Wikiterika di Studio Esoterika

LA RUOTA DELL’ANNO E LA MAGIA DELLE STAGIONI

La Ruota dell’Anno è un simbolo antico e potente che racconta del ciclo della vita attraverso l’energia delle stagioni. Fa parte di una saggezza molto antica che ha radici nei popoli celtici ma le cui tracce sono presenti nelle civiltà ancestrali di ogni angolo del mondo. Si tratta di un vero e proprio calendario che invece di essere scandito da 12 mesi, è circolare e composto da otto festività chiamate Sabbat, ognuno dei quali rappresenta un momento significativo del ciclo delle stagioni. Ognuno di questi Sabbat veniva e viene ancora oggi celebrato (da culture neopagane e Wiccan) con rituali e invocazioni specifiche che hanno come scopo principale quello di onorare la Terra e di rievocare il profondo legame tra l’essere vivente e la Natura.

Copertina Articolo

Prima di addentrarci nella Ruota dell’Anno e nelle sue festivita', e' importante accennare le origini pagane alla base di questa tradizione: il paganesimo e' una pratica spirituale che affonda le sue radici nelle culture pre-cristiane come quelle, ad esempio, dei Celti, dei Romani e dei Greci. Ognuna di queste culture condivideva una profonda reverenza per la Natura e le sue forze, per questo celebravano il cambio delle stagioni come degli eventi sacri e molto significativi per la loro vita.

La Ruota dell’Anno e i suoi elementi

Come gia' anticipato nell’introduzione, la Ruota dell’Anno ha una forma circolare ed e' divisa in otto spicchi, detti Sabbat, che sono festivita' legate ai cicli del Sole e della Luna. Quattro dei Sabbat solari (Yule, Ostara, Liltha e Mabon) coincidono con i solstizi e gli equinozi mentre altri gli altri quattro lunari ( Imbolc, Lughnasadh e Samhain) segnano i punti intermedi tra le festivita' solari.

Oltre al ciclo delle Stagioni scandito dai movimenti solari, la Ruota dell’Anno rappresenta anche l’equilibrio degli opposti come quello tra la luce e l’oscurita', il maschile ed il femminile, la vita e la morte. Questo equilibrio e' possibile grazie all’energia creativa e vitale dell’universo. Attraverso la celebrazione dei Sabbat, i praticanti dunque invocano le divinita' universali per onorarle e per offrire gratitudine, riconoscendo il loro ruolo nel ciclo eterno della vita.

Ma ora esploriamo l’energia di ogni Sabbat, uno ad uno!

Gli otto Sabbat della Ruota dell’Anno


1. IMBOLC (2 Febbraio):

corrisponde alla Candelora e segna la meta' dell'inverno e la promessa della primavera. e' un momento di purificazione simboleggiato dalla luce del sole che inizia ad allungare piano piano le giornate. I rituali includono la benedizione delle candele, la pulizia della casa e la preparazione di cibo tradizionali come le ciambelline fritte


2. Ostara (21 marzo):

celebra l'equinozio di primavera, il momento in cui l'energia della natura inizia a risvegliarsi. e' un momento di rinascita e di nuova vita, simboleggiato dal ritorno dei fiori e dei colori della primavera. I rituali includono la decorazione di uova colorate, la creazione di ghirlande di fiori e la preparazione di dolci pasquali.


3. Beltane (1 maggio):

celebra la fertilita' e l'abbondanza della primavera, il momento in cui la natura raggiunge la sua massima crescita e vitalita'. e' un momento di celebrazione della vita e dell'amore, simboleggiato dalla danza attorno ad un fuoco sacro. Le celebrazioni di Beltane includono la danza, la creazione di corone di fiori e la benedizione dei campi e degli animali.?


4. Litha (21 giugno):

celebra il solstizio d'estate, il momento in cui il sole raggiunge il suo massimo splendore e la natura e' in piena fioritura. e' un momento di celebrazione del sole e della vita, simboleggiato dal giorno piu' lungo dell’anno. Le celebrazioni di Litha includono l'accensione di fuochi e la condivisione di cibo con amici e familiari.?


5. Lughnasadh (1 agosto):

celebra il raccolto estivo e la preparazione alla stagione dell'autunno. e' un momento di gratitudine e di condivisione, simboleggiato dalla mietitura dei campi e dalla preparazione del pane. Le celebrazioni includono appunto la preparazione di pane e lievitati, giochi e canti condivisi


6. Mabon (21 settembre):

celebra l'equinozio d'autunno, il momento in cui la natura inizia a prepararsi per l'inverno. e' un momento di bilanciamento e di riflessione, simboleggiato dalla raccolta dei frutti e dalla creazione di conserve e marmellate


7. Samhain (31 ottobre):

corrisponde alla notte di ognissanti e celebra la morte della natura. In questo periodo infatti la terra smette di dare frutti ma allo stesso tempo riposa per prepararsi a rinascere con la fine dell’inverno. Ci ricorda che senza la morte non ci sarebbe la vita. Le celebrazioni includono la commemorazione degli antenati e la meditazione.


8. Yule (21 dicembre):

e' la festa che corrisponde al nostro Natale. Celebra la rinascita del Sole che dopo aver toccato il punto di tramonto piu' basso inizia piano piano a risalire allungando poco a poco le giornate. I rituali prevedono canti e balli, accensione di luci e candele, decorazione di alberi e lo scambio di doni.


ASTROLOGIA

ASTROLOGIA

Pubblicato il 01-12-2023 alle 19:48

A cura di: Tiziana

Letto: 139 volte

Parole chiave: #Astrologia, #magia, #magia delle stagioni, #ruota dell'anno, #imbolic. ostara. beltane, #litha, #Lughnasadh, #mabon. samhain. yule